Home Chi Siamo
Chi Siamo PDF Stampa E-mail

"Chi siete?"

E' la domanda che con pi frequenza ci stata rivolta in questi anni di attivit. Una domanda alla quale abbiamo sempre risposto in maniera generica: siamo un gruppo di persone di Bonate Sotto che una volta all'anno fanno una iniziativa di solidariet. Rispondiamo in questa maniera per non cadere nella trappola dell' etichetta o di una collocazione. Un gruppo, di fatto senza nome, per scoraggiare ogni etichettatura o posizionamento nell'ambito di aree socio culturali precise. La costruzione della pace il nostro unico motore. Lavorare per la pace dovrebbe significare costruire una mentalit di pace, praticare, anche quotidianamente, l'esperienza della pace. Noi proviamo a porre il nostro mattoncino a questo grande progetto.


"Che cosa fate?"

Il nostro intento di trovare tutti gli anni una occasione di lavoro comune su un progetto di solidariet internazionale, proposto e gestito da una comunit locale e con eventuali contatti tra gli immigrati in Italia. Un progetto che costruisca le condizioni alla pace nei territori che andiamo ad aiutare. La pace come presupposto insostituibile allo sviluppo.
Siamo coscienti che lo sviluppo di questi microprogetti non risolve i grandi problemi del sottosviluppo nel mondo. Essi per riescono a cogliere tre obiettivi: dare alle popolazioni che ricevono l'aiuto una opportunit di organizzarsi e realizzare con i propri mezzi un'idea, un progetto utile per la loro comunit, mantenere un contatto tra gli emigranti di quella regione e la nostra comunit ed infine, per noi, cogliere l'occasione per una iniziativa di solidariet che ci unisca.


"Come fate?"

Inizialmente, nel 1995, volevamo iniziare in forma collettiva l'esperienza dell'adozione a distanza di bambini, volevamo dare l'opportunit a tutti di poter contribuire superando le eventuali barriere culturali che segnano troppo spesso le nostre comunit.
Questa iniziativa verr ripresa adottando progetti di comunit. L'adozione a distanza di bambini una delle forme meritevoli di aiuto, ma ci siamo chiesti spesso se a volte non si rischia di aiutare uno e dimenticare l'altro. Rendere odioso un aiuto a causa di una involontaria discriminazione. Noi vorremmo continuare con la nostra idea di microprogetti finanziati in due modi, attraverso il contributo di una singola persona, famiglia o associazione e con una grande iniziativa collettiva, Corri Bonate, la corsa non competitiva organizzata ogni anno a giugno. Il privato ed il pubblico, l'impegno personale come fatto di responsabilit individuale e l'impegno pubblico come forma di socializzazione delle idee.


"A chi vi rivolgete?"

A te che ci stai leggendo! Ogni persona di buona volont che voglia essere un costruttore di pace un finanziatore dei progetti che proponiamo. Non abbiamo altra limitazione se non la buona volont nell'aderire al progetto.


"Quali certezze date sull'utilizzo del denaro?"

A chi ci aiuta spieghiamo che i progetti sono gestiti in loco con tutte le possibilit di insuccesso e di rischio dovute all'organizzazione locale e alla instabilit dovuta a situazioni di guerra o guerriglia. L'impegno delle organizzazioni che gestiscono il progetto quello di inviare regolari rapporti sullo stato di avanzamento delle attivit e sullo stato finanziario del progetto. In genere un componente della comunit di immigrati mantiene i contatti e di norma siamo sempre invitati a visitare il villaggio dove si sviluppa il progetto. Adesso potremmo elencare i gruppi che hanno aderito alla nostra iniziativa in rigoroso ordine alfabetico, ma preferiamo che continuiate a chiedere: "Chi siete?" E se qualcuno lo vorr scoprire pu aderire alla nostra iniziativa. Venga a dare una mano ed idee al gruppo. Gli garantiamo che il nostro motto : "la tua mano destra non sappia ci che ha fatto la sinistra!"
L'unica gioia deve essere la soddisfazione di svolgere queste iniziative.


"Le pagine di questo sito"

 Vi illustreranno ciascun progetto ed i risultati ottenuti; elenchiamo tutto ci per mostrare a tutti il lavoro senza alcun atteggiamento trionfalistico. I risultati, infatti, non crediamo siano dovuti alla bravura di questo o di quello, ma al grosso impegno di tre componenti: le Associazioni, i finanziatori e la gente che partecipa con una coralit commovente alle nostre iniziative, sentendole come proprie. La nostra pi grossa soddisfazione quella di poter lavorare insieme in modo assolutamente libero ed anonimo: nessuno di noi appare mai in prima persona se non quando si devono fare atti ufficiali. Una specie di ripasso di geografia... i microprogetti calati nelle realt del mondo rendono l'idea di quanta sia la disperazione e la povert in esso, ma siamo convinti che basta veramente poco per dare un grande aiuto.


"Il nostro sogno"

Il Coordinamento ha un sogno nel cassetto: continuare con i microprogetti e riuscire a stabilire in maniera fissa un contatto con queste realt. Tante persone con un piccolo impegno possono rendere attuabili questi progetti, la nostra societ ricca di persone, idee e risorse e ci piacerebbe essere un movimento di proposta ed organizzazione di queste attivit. Le nostre forze non sono molte ma, come gi detto, crediamo nella societ e nelle persone. Chi vorr aiutarci e collaborare con noi ben accetto.

Gennaio 2001

 
 

About

Benvenuti nel sito del  Coordinamento Solidariet ONLUS di Bonate Sotto.

CorSol web